martedì 8 gennaio 2019

La versione definitiva di "Ave, Michele" (e la definizione del mio ruolo su questa Terra)

Scusate il ritardo! Tutti i miei post di preghiere saranno ora su questi 2 blog:https://kristianesimo.blogspot.com (le mie preghiere nuove più importanti e altre preghiere già esistenti poco conosciute) e https://paradisocristiano.blogspot.com (le preghiere quotidiane con funzione quasi liturgica).

Questa è la versione definitiva di "Ave, Michele" (in grassetto gli elementi nuovi)

Ave, Michele,
angelo fedele,
tu che, primo fra tutte le creature, ribadisti la fedeltà all'unico Dio,
tu che scacciasti il Maligno dal Paradiso,
tu, il cui nome corrisponde al tuo grido “Chi è come Dio?”,
allontanaci dai vizi di questo mondo,
combatti per noi contro il Nemico,
e accompagnaci nel giorno del giudizio alla gioia eterna
affinché, assieme a tutti gli Angeli e i Santi, possiamo contemplare e lodare il Dio Uno e Trino, fonte di ogni bene.
Amen

Quanto al mio ruolo su questa Terra, dovrei essere (il condizionale è d'obbligo) il continuatore dell'opera di San Tommaso d'Aquino (e nello stesso tempo di Kant e Pascal), il seguace di San Francesco in questa vita e nell'altra (ruolo ben più importante ma anche più impegnativo) è San Pio da Pietrelcina.

Cari saluti a tutti,
Michele